Warsteiner Premium Pilsner | Warsteiner
14. maggio 2019

Warsteiner Premium Pilsner: il colore dell’oro!

Ogni birra è differente, anche nel colore… troppo semplice dire bionda! Sapete che cosa determina le gradazioni di colore della birra? Il malto, ovviamente! Il chiaro dorato della nostra Pilsner è dato dagli ingredienti purissimi e dal suo processo di birrificazione estremamente accurato e delicato.

Se il gusto inconfondibile della Warsteiner Premium Pilsner è dato dai migliori ingredienti, da cosa è determinato il suo colore chiaro dorato?

Anche stavolta la risposta è da ricercare nelle materie prime, in particolare nel malto e nel processo di birrificazione. È questo che differenzia una birra dall’altra. Il malto utilizzato nella nostra Pilsner, viene ricavato da orzo di prima qualità proveniente da aree di coltivazione tedesche e francesi, selezionate per le favorevoli condizioni climatiche e geologiche. Durante la birrificazione, l’orzo viene maltato ed essiccato, così cambia colore a causa della temperatura alla quale avviene il processo, determinando l’aspetto chiaro e brillante della birra Warsteiner. Sappiamo che nel mondo esistono birre dalle infinite sfumature di colore. Ogni birra è inserita, in base alle sue caratteristiche estetiche, in una scala cromatica che raccoglie le diverse gradazioni di colore, che vanno dal giallo paglierino scarico, fino a nuance nere, passando per una vasta gamma di sfumature. Ma come si fa a determinare con precisione la gradazione cromatica di ciascuna birra? Il primo sistema di classificazione nasce storicamente nel 1883, quando Joseph W. Lovibond mette a confronto per la prima volta, i colori di alcuni vetrini con quelli delle birre. Per decenni la tecnica istituita da Lovibond fu utilizzata, anche se non priva di limiti, dati dal fatto che la stima del colore fosse lasciata all’interpretazione umana, quindi soggettiva. A questo metodo, a partire dal XX secolo, ne seguirono altri più precisi: lo standard SRM (Standard Reference Method) negli Stati Uniti e l’EBC (European Beer Color) in Europa, entrambi basati sull’utilizzo di uno spettrofotometro per la misurazione del colore e le sue gradazioni, consentendo una definizione più puntuale e oggettiva della classificazione cromatica.

Ogni volta che avrete tra le mani un bicchiere di birra, dunque, saprete che il colore che vedete, può rivelare molto sulla sua identità, proprio come già fanno il suo aroma e il suo gusto. Il tulpe, il bicchiere d’eccellenza per gustare Warsteiner, è il più fortunato di tutti, perché il suo contenuto è talmente prezioso da avere il colore dell’oro.

 

 

 

Basta iniziare a digitare!